La luce blu degli schermi

La luce blu degli schermi

3 modi per proteggersi dai danni agli occhi della luce blu

Quanto tempo trascorri ogni giorno davanti al computer? E al tuo smartphone? O al tablet? Uno studio del 2016 ha rilevato che gli adulti trascorrono in media 10 ore e 39 minuti ogni giorno fissando un monitor. Questo periodo di tempo è aumentato di un’ora intera rispetto a uno studio simile condotto nel 2015. Tutti i dispositivi digitali emettono una cosa chiamata “luce blu”, una luce a bassa lunghezza d’onda e ad alta energia che ha il potenziale di danneggiare gli occhi a lungo termine. Sebbene ci siano altre fonti di luce blu a cui siamo regolarmente esposti (anche il sole emette luce blu), la preoccupazione per i dispositivi digitali riguarda la loro vicinanza agli utenti e la quantità sempre crescente di tempo che vengono utilizzati . I bambini costituiscono un allarme particolare perché i loro occhi in via di sviluppo assorbono più luce blu rispetto agli adulti, esponendoli a maggior rischio di danni. La luce blu in sé e per sé non è sempre dannosa. Può aumentare la vigilanza e l’umore, supporta la funzione cognitiva e la memoria e aiuta a regolare il ciclo naturale del sonno del corpo (ritmo circadiano). Ma la sovraesposizione può portare a cose come l’affaticamento degli occhi (sindrome della visione artificiale) e il danno alle cellule della retina (che può aumentare il rischio di problemi come la degenerazione maculare). I dispositivi digitali svolgono un ruolo fondamentale nelle nostre vite, quindi non è realistico suggerirti di evitarli del tutto. Tuttavia, ci sono una serie di cose che possono essere fatte per ridurre al minimo i potenziali problemi. Ecco 6 modi per proteggerti dai danni agli occhi causati dalla luce blu:

Potenzia il tuo pigmento maculare
Investire in occhiali per computer
Riposa gli occhi

ALCUNI SEMPLICI CONSIGLI

Il principale tessuto che assorbe la luce blu negli occhi è il pigmento maculare. È il sottile strato di tessuto giallo che si trova proprio al centro dell’occhio, chiamato macula. Questo pigmento è composto da tre carotenoidi: luteina, zeoxantina e meso-zeoxantina. Questi carotenoidi possono essere potenziati con l’integrazione. Quindi, quando seleziona una nutrizione per proteggere i tuoi occhi, assicurandoti che la formula contenga tutti e tre i carotenoidi.

Cerca occhiali per computer che vantano lenti antiriflesso oltre alla tinta giallastra. Il rivestimento offre uno strato aggiuntivo di comfort e protezione proteggendo dai riflessi della luce blu su entrambi i lati della lente. Oppure investi in un filtro a schermo, un modo semplice per limitare l’esposizione alla luce blu digitale è applicare uno speciale filtro a schermo sulla parte anteriore del dispositivo. I filtri dello schermo sono economici e assorbono gran parte della luce blu emessa dai dispositivi digitali, riducendo l’esposizione.

Il modo più semplice per aiutare a prevenire la sovraesposizione alla luce blu digitale è gestire il tempo impiegato per utilizzarli. Assicurati di fare pause regolari lontano dallo schermo. Un metodo semplice consiste nell’utilizzare la regola 20-20-20. Ogni 20 minuti, fai una pausa dal computer per guardare qualcosa a 20 piedi di distanza per un minimo di 20 secondi. Questa tecnica può aiutarti a evitare l’affaticamento degli occhi e serve come promemoria regolare per essere consapevole dell’esposizione alla luce blu.

Questo è uno dei tanti articoli utili che abbiamo scritto per te. Assicurati di visitarci regolarmente per ricevere ulteriori suggerimenti e sentirti al meglio ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Invia commento